La Performance

Condividi -

Il Trattato di Anatomia Emozionale viene presentato dal vivo con una performance che unisce disegno, parole, musica, teatro e video arte.

Un reading emozionale che coinvolge artisti diversi nell’ambito della Musica d’Improvvisazione e del Teatro di Narrazione e di Figura. In scena i disegni sono i protagonisti.

Le tavole del Trattato proiettate, sono elaborate, animate e contaminate dagli interventi di video arte di Andrea Pennisi aka Vj Lapsus. La voce narrante impersona la figura del fantomatico autore, il Professore Melanio Da Colìa, richiamando un improbabile convegno medico rinascimentale. Figure, luci e ombre e musiche ne esalteranno il mistero.

Le musiche, interpretate da protagonisti della scena di musica improvvisata nazionale e internazionale, creeranno suggestioni sonore strumentali ed effetti sonori rumoristici, intrecciandosi con le tensioni del testo e della narrazione.

Le tavole originali del “Trattato di Anatomia Emozionale”, di Virginia Caldarella, sono anche l’oggetto di una esposizione d’Arte, che potrebbe essere allestita anche per più lunghi periodi negli spazi adibiti (gallerie, librerie, spazi scenici non convenzionali etc).

Exhibit a Bacas al Castello Macchiaroli di Teggiano

  La Performance, ideata da Andrea Pennisi ‘Lapsus’ e Virginia Caldarella, è stata presentata in anteprima il 12 Settembre 2017 al “The Stone at The Drawing Center: Music and Visual” curata da John Zorn, al The Drawing Center di New York, dopo la presentazione del Trattato l’Anatomia Emozionale Tour lo ha portato in scena in diverse librerie, gallerie, live club e festival in tutta Italia, incontrando e collaborando con musicisti e artisti dediti all’improvvisazione. Tra le occasioni più prestigiose: la partecipazione al Prot! di Bologna, al festival internazionale BACAS (Borghi Antichi Cultura Arti Scienze) al Castello Macchiaroli a Teggiano, la partecipazione all’Atlante delle Emozioni delle città per #Matera2019 e la partecipazione all’evento conclusivo del RARA Festival 2018, il 19 Agosto a Palazzolo Acreide, dove il The Art Ensemble of RARA composto da 16 elementi, un mimo e una danzatrice, diretti da Alessandro Vicard, ha eseguito il concerto dedicato al Trattato di Anatomia Emozionale. Il Simposio Sonoro d’Anatomia Emozionale, il 25 Agosto 2018 l’ensemble di 11 elementi con la conduction di Andrea Pennisi ‘Vj Lapsus’.

Ode allo Yoni – Simposio d’Anatomia Emozionale a spiazZò

Ecco i Magnifici dotti di Scienze Musicabili e Arti Implausibili che hanno già partecipato alla Performance del Trattato di Anatomia Emozionale: Salvatore Motta, Dario Chillemi ovvero Ordi l’Alchimie, Sonia Brex, Antonio Aiello, Giuseppe Severini, Riccardo Gerbino, Gabriele Arena, Dario Catanuto, Fabio Arcifa, José Marano, Angela Aiello, Giuseppe Lombardo, Metello Orsini, Giuseppe Calcagno, Cecilia Stacchiotti, Fabio Vassallo, Hz Connection 432, Francesco Vaccaro, Maurizio Curcio, Mahara McKay, Carlo Gandini, Sergio Montemagno, Tiziano Doria, Alessandro Fattorini, Simone Marcandalli, Les Parapluies, Savi Manna, Calogero La Bella, Alfredo Guglielmino, Cartura, Denver Butson, Marco Cappelli.

Qui il racconto di alcune magnifiche occasioni:

New York, 12 Settembre 2017

The Stone at The Drawing Center 

La prima performance è stata realizzata all’interno della rassegna “The Stone at The Drawing Center: Music and Visual” curata da John Zorn, a New York. Illustrazioni – Virginia Caldarella; Testi e Visuals – Andrea Pennisi ‘Lapsus’; Musiche – Marco Cappelli; Voce recitante – Denver Butson.

Preview of “Treaty of Emotional Anatomy” at The Drawing Center, NYC: Virginia Caldarella illustrations, Andrea ‘Lapsus’ words and visual, Marco Cappelli music, Denver Butson voice

Exibit at The Drawing Center, New York

Catania, 31 Marzo 2018

Anteprima del Trattato di Anatomia Emozionale

L’anteprima di presentazione del libro, il 31 Marzo 208 da Open, a Catania, con l’esposizione delle tavole originali di Virginia Caldarella, ha ospitato un primo studio di “Attratto da Anatomiche Emozioni“, azione di marionette e video mapping, con la partecipazione del Mastro Alfredo Guglielmino, il maniante Calogero La Bella e tutto lo staff di Cartura, Savi Manna alla voce, Tommaso Ferrara in consolle, Daniele Salomone al piano. Musiche e video mapping di Andrea Pennisi ‘Lapsus’.

30125844_10216025877258308_484925950_o.jpg

Il Prof. Melanio Da Colìa interpretato da Cartura e Vj Lapsus (ph Virginia)

_-88

Il Maniante Calogero La Bella in “Attratto da Anatomiche Emozioni” (ph Giuseppe Lombardo)

30122569_10216025878098329_999581120_o.jpg

Mastro Alfredo Guglielmino e il Maniante Calogero La Bella, animano le creazioni di Cartura, illuminate da Vj Lapsus (ph Virginia)

“Occhi Dolci” ovvero la Sindrome della Gattamorta. Proiezioni di Vj Lapsus su Figura di Cartura, voce recitante Savi Manna 

Catania 20 Maggio 2018

Un nuovo Studio della performance ispirata al Trattato di Anatomia Emozionale è stata messa in scena in chiusura della Tre Giorni Emozionali in Terra Natia, il 20 Maggio alla Domenica del Lettore e della Lettrice deilMaggiodeiLibri di Gammazita. Bellissima l’accoglienza e la disponibilità dei ragazzi di Gammazita, autentici pionieri e guerrieri della cultura dal basso.

Sopra Vj Lapsus dirige i musicanti, sotto al primo incontro 

In scena, a dar voce, suono, immagine e parola al Prof. Melanio Da Colìa, portando in azione gli Studi di Scienze Emozionali e Arti Implausibili: Salvatore Motta voce recitante, Dario Chillemi, ovvero Ordi l’Alchimie, chitarre ed emoziofono, particolare tastiera programmata per emettere parole, da lui progettata, Antonio Aiello, contrabbasso, Gabriele Arena armoniche, Giuseppe Lombardo chitarre distorte, Riccardo Gerbino tabla, special guest Mahara McKay, butterfly dance. Direzione, rumori e visuals, con la manipolazione e contaminazione delle illustrazioni di Virginia Caldarella, Andrea Pennisi in veste di Vj Lapsus.

Come per gli alchimisti esoterici illotempori, una straordinaria congrega di scienziati della Musica perpetuano il gioco di combinare in improvvisazione gli elementi e i diversi linguaggi, alla ricerca della pietra filosofale dell’Anima. Un rivisitazione allegorica emozionale in forma scenica, che fonde suoni, parole, danza e arte visiva, ispirata al Trattato di Anatomia Emozionale.

Ordi l’Alchimie collauda l’Emoziofono al laboratorio studio di Melanio Da Colìa in quel di Femminamorta

La prima parte è la delirante prefazione del fantomatico, Bocca dell’Anima, che illustra spirito, anima, misteri e surrealtà del patafisico “trattato”. La voce dell’illustrissimo riecheggia nell’interpretazione di Salvo innestandosi nel tessuto sonoro fanta rinascimentale creato da Dario e sostenuto in contrappunto dal resto della banda sonora e visualizzato da Vj Lapsus.

La chitarra di Ordi l’Alchime (ph Renato Ventura)

L’introduzione in forma di reading apre i 4 Quadri della performance: 4 i capitoli o patologie sperimentate: Testa tra le Nuvole, Ingoiare il Rospo, Occhi Dolci e Farfalle nello Stomaco. Nela prima è ancora la chitarra a dirigere le atmosfere sospese, quasi sognanti, impalpabili, una cornice astratta agli innesti di armoniche soffuse ed eterei archetti sfiorate sulle corde del contrabbasso, che pare dilati lo spazio. Ingoiare il Rospo riporta la gravità della tensione musicale dominata dal contrabbasso quasi percussivo e sottolineato da incidenti sonori in distorsione e rumori magmatici, una sorta di andante con disagio grave. In Occhi Dolci ovvero la Sindrome della Gàttamorta protagonista è l’Emoziofono, un raccoglitore di citazioni pre campionate, tratte dal libro e lette da una moltitudine di occasionali vagabondi: un’orchestrazione di parole per dar voce a una sciantosa Tac trasformata in bel visino dagli occhi dolci proiettata in scena. In ultimo, Farfalle nello Stomaco: sui ritmi mediorientali e ipnotici di Riccardo, è la danza tantrica e tribale di Mahara Mckay che governa la scena, coperta solo da teli bianchi e “investita” dalle immagini in movimento di sfarfallamenti sul corpo di lei.

Farfalle nello Stomaco: Mahara McKay danza sulle immagini in movimento di Vj Lapsus (ph Renato Ventura)

Il finale è uno scroscio di applausi, emozioni e abbracci in scena. Bellissimo ed emozionante.

Grazie agli illuminati e dotti improvvisatori, straordinari complici nel render azione gli inauditi Studi di Scienze Emozionale Arti Implausibili dell’erudito Prof. Melanio Da Colìa, e un Grazie e i nostri magnifici ed emozionabili ospiti, quelli dietro le quinte e quelli tra il pubblico.

 

Palermo, 09 Giugno 2018

Una Marina di Libri 2018 – cucitor di canti

Il contesto è di quelli ufficiali: L’invito da parte della Fondazione The Brass Group di Palermo a partecipare il 9 Giugno 2018 alla rassegna di confine tra musica e libri, all’interno di Una Marina di Libri – Cucitor di Canti, la fiera del libro a Palermo. Sarà una presentazione del Trattato di Anatomia Emozionale in forma concerto.

A render scena e poesia al Trattato e “cucirne i canti”: Salvatore Motta, ormai fidato voce e corpo del fantomatico Prof Melanio Da Colìa, Maurizio Curcio, sorprendente virtuoso di Stick, raro e versatile cordofono, e suggestivo miscelatore di suoni e parole dal suo set elettronico, Antonio Aiello, entusiasta motore contrabbassista delle implausibili Scienze trattate, Gabriele Arena, il saggio blues dalle armoniche di confine e marranzano. Io, col nick name di Vj Lapsus, mi occuperò delle immagini in movimento che scoreranno nello schermo e coordinare la congrega.

La nostra performance è fissata alle 22,30, in fronte alla Serra Carolina, surreale scenografia baciata per le filosoficherie passionali e improbabili del Prof. Melanio Da Colìa.

Si abbassano le luci in sala e si animano le immagini nello schermo. Una voce riecheggia dalla Serra Carolina:

“Un’invenzione, ispirata dalla magia e dal sogno, scritta versando lacrime e risa, col giuoco della parola e l’arte del disegnar”.

Maurizio Curcio, Gabriele Arena, Salvatore Motta, Antonio Aiello e Vj Lapsus

A dar voce e corpo al fantomatico, è Salvatore Motta, che interpreta strepitosamente lo spirito del Trattato. La prima parte del concerto è in forma di reading, una lettura animata ed emozionale di Bocca dell’Anima, la prefazione firmata dal Prof. Melanio da Colìa.

I musicisti in fatale sintonia sottolineano la tensione del testo, che alterna tensioni gravi e ludiche tra il credibile e l’inaudito, con un blues sporco e deviato, alieno. Le immagini di vj Lapsus lasciano intravedere i disegni delle tavole di Virginia, contaminate da fluidi alchemici e alterazioni cromatiche.

Dopo la lettura della prefazione e dopo la presentazione in scena dei magnifici eruditi di Scienze Musicali sul palco, illustrissimi colleghi del fantomatico alla ricerca di Scienze e Arti Emozionali e Implausibili, la seconda parte del concerto affronterà e rappresenterà 4 Quadri, 4 delle patologie emozionali capitolate nel Trattato e i loro “moti de core”.

Ogni brano è un’opera estemporanea, dallo stile e dall’approccio totalmente differente l’un dall’altro, una improvvisazione organizzata che suona le suggestioni emozionali evocate in ogni capitolo del Trattato: Testa tra le Nuvole è la leggerezza degli spazi impalpabili sognanti, esaltati dallo stick, le corde sfiorate con l’archetto del contrabbasso ed echi di armoniche. Sullo schermo per contrasto galleggiano immagini di fauna marina o di universi paralleli. Farfalle nello Stomaco richiama una melodia, uno svolazzamento ritmico da rincorrere, paesaggi di giardini e infiorescenze attraversati da lepidotteri e desideri. Ingoiare il Rospo ha tirato fuori la tensione ritmica delle corde di Antonio, sostenute da un ossessivo marranzano, con incidenti sonori organizzati, percussivi e alieni. In Occhi Dolci il protagonista sono state le citazioni del libro, registrate e sapientemente governate da Maurizio, come un orchestra di parole sulla Tac sullo schermo, manipolata e trasformata in un “grazioso” viso civettante e birbante.

Anche stavolta è stato un successo, un emozione vera al quale non ci si abitua. Il pubblico, intanto accorso numeroso per gli amici palermitani e gli avventori della fiera attirati dallo show, ha risposto con calore ed entusiasmo, divertendosi senza remore. Abbracci risa e incontri straordinari ormai sono la cifra dei nostri finali. Un Grazie speciale a Domenico Cogliandro, per l’invito da direttore artistico e per l’abilità di “stare al gioco” da moderatore, Franco Cirrincione, filosofo del mixer e lo staff di The Brass Group per l’accoglienza. Torneremo.

Guarda il video della performance:   Trattato di Anatomia Emozionale ad Una Marina di Libri – Palermo

 

San Giovanni la Punta, 30 Giugno 2018

Il Simposio Sonoro d’Anatomia Emozionale. Siamo ospiti di Sabato in un fuori calendario del Mercoledì Jazz Club @ MoonShniers Pub, fortemente voluti da AnimeInArte. L’atmosfera è quella del Jazz Live club. Tra stuzzichini e pozioni presentiamo brevemente il Trattato e il Simposio. La nostra arguta complice è la female maker Lina Lizzio.

L’apparizione improvvisa del prof. Melanio da Colìa tra i tavoli interrompe le chiacchiere e da il via al Simposio Sonoro:  Un Concerto illustrato e condotto dal fantomatico erudito di Scienze Emozionali, insieme ad illustri colleghi appassionati e cari Maestri delle Scienze Musicabili.

In scena: Salvatore Motta nelle vesti dell’illustre Professor Melanio Da Colìa, Ordi l’Alchimie ovvero Dario Chillemi emoziofono e chitarre, Gabriele Arena armoniche e marranzano, Antonio Aiello contrabbasso, Riccardo Gerbino tabla, Vj Lapsus video art.

La prima parte è un blues, un reading emozionale diBocca dell’Anima, la prefazione del fantomatico, che espone le teoretiche e le filosoficherie degli Studi di Arti e Scienze Implausibili trattate nel Trattato. poi saranno 5 i Quadri Sonori, sperimentazioni improvvisative ispirate alle patologie emozionali dell’Opera, interpretate da i dotti e illustri Maestri di Scienze Musicabili: Testa tra le Nuvole, Farfalle nello Stomaco, Ingoiare il Rospo, Occhi Dolci, Cuore Ardente.  

Il pubblico ben gremito è in rigoroso silenzio. Non si capisce se è frutto di un’ipnosi inconscia collettiva o realmente piace. Gli applausi e l’interazione successiva scioglierà ogni dubbio.

Il bis, il brano dei ringraziamenti, che da grazie a Leonardo, Ippocrate, Eros e Afrodite, oltre i nostri favolosi ospiti, è una jam che accoglie come guest sul palco Francesco Vaccaro, abile scienziato dei saxofoni, nonché direttore artistico del Mercoledì Jazz Club @ MoonShniers Pub.

E dopo ci si scambia l’entusiasmo di esser li con il pubblico con inviti in nuove terre dove esporre Scienze Emozionali e Arti Implausibili, tra il ludico e il dilettevole.

Grazie, ci fate emozionare sempre.

Bocca dell’Anima, la mirabolante introduzione del Simposio Sonoro d’Anatomia Emozionale