Fiera del libro, Presentazione

MARZAMEMI BOOK FEST*

Condividi -

L’autunno arriva nel borgo dei pescatori più a Sud d’Europa a cavallo di libri, scrittori e lettori. Da un’idea di Barbara Fronterrè, storica imprenditrice e operatrice culturale del sud est siciliano e fondatrice di Liccamuciula, libreria bistrot shop, nasce il Marzamemi Book Fest. Tre giorni di presentazioni di libri, dibattiti con autori e protagonisti della cultura italiana, ma anche laboratori, momenti di confronto con gli operatori del territorio e occasioni di programmazione condivisa.
L’idea nasce, quasi in maniera provocatoria, proprio dalla voglia di sovvertire i trend di un territorio spesso “terra di conquista”, ma poche volte “laboratorio di sviluppo”.

“Avete presente il detto: vendere ghiaccioli agli esquimesi? – racconta Barbara Fronterrè-. La Sicilia, dicono le statistiche, è la regione di Italia dove si legge meno. La nostra città, Pachino, è commissariata per mafia e i Commissari hanno appena dichiarato il dissesto finanziario.
Qui sul territorio, le tonnare storiche e le isole rare crollano con le loro fortezze, o si approssimano a diventare centri commerciali e resort: non esiste dibattito pubblico sul futuro dei luoghi, se non dentro la schizofrenica polarità rovina/centro commerciale. È tornato recentemente all’ordine del giorno il tema delle trivellazioni nel Val di Noto: sullo sfondo, una crisi agricola ormai strutturale zavorra l’economia locale in un diffuso impoverimento e nel rancore sociale. Marzamemi, villaggio–tonnara nel territorio di Pachino, grazie alla sua bellezza e all’autoimprenditorialità, ha scritto in questi anni una storia diversa, connessa allo straordinario sviluppo di Noto e del sud est siciliano. La perdita del Festival Internazionale del Cinema di Frontiera (a causa del commissariamento e del dissesto finanziario), manifestazione ventennale di caratura internazionale che a tale crescita aveva impresso il contributo di un forte indirizzo culturale, rappresenta un grave colpo per la nostra comunità. Si profila sempre più il rischio (mai veramente scongiurato) che i luoghi storici del territorio siano vissuti e proposti sul mercato turistico come divertimentificio d’alta stagione. Su questo vogliamo riflettere insieme a scrittori e ospiti del mondo culturale, da qui vogliamo ripartire per una programmazione condivisa del territorio”.

Da qui nasce l’idea di un festival che costringa il territorio a riflettere e lo faccia fuori da una visione provinciale. Tra gli ospiti già confermati i giornalisti Giovanni Tizian e Stefano Vergine (Il libro nero della Lega, Laterza), la giornalista Silvia Garambois, associazione Giulia, Andrea Alesci (Il Giro d’Italia in 80 isole, Einaudi), Andrea Pennisi e Virginia Cadarella (Trattato di anatomia emozionale, Lunaria Edizioni). E ancora l’attrice Lucia Sardo, la chef e scrittrice Rita Monasteri (Gribaudo), il cantautore e premio Tenco Stefano Vergan.

Il MARZAMEMI BOOK FEST si svolgerà nel fine settimana 18/20 ottobre, nei luoghi storici della settecentesca tonnara di Marzamemi (Comune di Pachino, Siracusa): piazze, cortili, terrazze, ristoranti e librerie , aree della tonnara saranno animati da un calendario di incontri con l’autore, letture, performance, dibattiti, laboratori.


Il progetto MARZAMEMI BOOK FEST è finanziato interamente per la prima edizione da piccole imprese locali, capofila Liccamuciula, libreria bistrot shop sulla piazza di Marzamemi, la cui storia si iscrive nello sviluppo del borgo e del sud est siciliano