Senza categoria

Press: Letto, riletto, recensito!

Condividi -

TRATTATO DI ANATOMIA EMOZIONALE – VIRGINIA CALDARELLA E ANDREA PENNISI – PERUZZO EDITORIALE

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=CyziZcEHLAI&w=560&h=315]

Trattato prima pag

 

Se Emil Cioran invitava a scrivere il peggio dei propri nemici al fine di star bene con se stessi, i creatori del Trattato che presentiamo, sovvertono le emozioni e l’anatomia del corpo mandando al diavolo disperazioni e paure, con una burla che diventa scienza. Libro da lode. Non c’è nulla da aggiungere se non invitarvi al tour in anteprima che partirà il 31 marzo da Catania, presso OPEN in Via Porta di Ferro, 38, per il libro di Virginia Caldarella e Andrea Pennisi. Battesimo con un editore tra i migliori d’Europa: Peruzzo Editoriale!

Autori: Virginia Caldarella e Andrea Pennisi
Titolo: Trattato di anatomia emozionale. Dagli studi di Melanio di Colìa
Editore: Peruzzo Editoriale
Prezzo: € 24,00
Pagg.:   80
Voto: 10 e lode

_____________________________________

L’AUTORE SI RACCONTA – VIRGINIA CALDARELLA E ANDREA PENNISI CON APPENDICE AL “TRATTATO DI ANATOMIA EMOZIONALE”
21 MARZO 2018 di Salvatore Massimo Fazio
Andrea e Virginia alle 5 Terre

Due stelle, due personaggi (catanesi), due apolidi (metafisici?detto alla maniera di Cioran?), due artisti. Si reinventano, scrivono un trattato di anatomia, emozionale. Che significa? Tanta roba, tanto che Peruzzo editore (editoriale, nello specifico) li edita e produce. Un tour, bellissimo, carico, pieno, in diverse città, stranamente dove il nostro direttore ha vissuto. Un tour che si battezzerà a Catania, presso OPEN in via Porta di ferro, 38, che la leggendaria Paola Greco ha messo su. Il 31 marzo, inizia l’avventura (alleghiamo la locandina con i primi incontri in giro per lo stivale). Di qualcosa che abbiamo avuto piacere e onore di vedere in anteprima… e allora non li intervistiamo e chiediamo loro di raccontarsi facendoli entrare nella prestigiosa rubrica del nostro blog Letto, riletto, recensito!, “L’autore si racconta”. Sarebbero, Virginia e Andrea, gli autori. Lo sono e si raccontano in anteprima per il blog più bello di Sicilia. Ma non solo, ci raccontano i primi step di idea del libro… e noi gongoliamo. Buona lettura.

LOCANDINA tour 2018 webVirginia Caldarella
Catanese, montatrice video, vivo a Bologna, e sono un’appassionata di arte da sempre.

Da piccola la consideravo un piccolo rifugio fatto di diari, colori di tutti i tipi, musica e piccoli mondi che si creavano uno dentro l’altro, in maniera concentrica. Mi piaceva esplorarli e perdermici.

Anche adesso è così, solo che in questo caso, i piccoli mondi interiori si sono palesati all’esterno, creando un lavoro che li rappresenta.

Ho sempre seguito gli studi artistici, dal liceo fino all’accademia di belle arti, prima a Catania, poi a Bologna, discostandomi un po’ dal disegno per avvicinarmi al mondo della fotografia, del cinema e del montaggio video, settore in cui adesso lavoro. L’amore per il disegno però non l’ho mai abbandonato, e tramite una piccola scintilla avuta una notte per caso, è nata l’idea di questa serie di disegni che hanno poi ispirato il Trattato.

Realizzare un libro da zero è stata una bellissima esperienza, che non vedo l’ora di ripetere, e che mi ha permesso di vestire in maniera “ufficiale” i panni dell’illustratrice. Adoro il violoncello, sogno di avere prima o poi una piccola casetta/laboratorio artistico affacciato sul mare.

le prime copieAndrea Pennisi
Editore, produttore, direttore artistico, video artista, performer, musicista rumorista, dj/vj, improvvisatore involontario, provocatore artistico errante e scrittore peripezista.

Conosciuto in Sicilia come Andrea Lapis, dal nome della testata storica che ho ideato ed editato per oltre 20 anni, e più recentemente, nei palchi e contesti performativi a più ampio raggio geografico, Andrea Lapsus, in quanto in scena le cose migliori le ho fatte per errore.

Appassionato di musiche possibili, interazione tra suoni e immagine, mapping visuali e sonori, commistione di linguaggi, arte e artifizi, danze immobili, alchimia emozionale, giuoco creativo, empatia interattiva,  equilibri precari, scienze implausibili, stupore fatale, matematica del fato e serie burle, ultimamente mi dedico alle terapie dell’anima, approfondite qui nel Trattato di Anatomia Emozionale, mia opera prima da autore letterario, primo titolo di una collana dedita a improbabili panacee dello spirito, impersonando nella scrittura il fantomatico prof Melanio da Colìa.

Trattatato di Anatomia Emozionale Copertina webCom’è nato il Trattato

Tutto è fatale, e il fato non è un caso. Con Virginia ci siamo incontrati in condizioni tragicomiche a dileggiare di formule emozionali e possibili terapie a mali incurabili: I moti de core. Galeotto fu un nodo alla gola conseguente ad un sfarfallamento nello stomaco.

Entrambi esploratori dei misteri dell’Anima e dello spirito, proiettati poi improvvisamente lontani nello spazio, abbiamo affrontato le complicazioni di queste fatalità coniugando le Arti Inaudite e le Scienze Implausibili. Una ricerca epistolare estrema, per “Modo di Dire”, che ci ha spinto a “illustrare” sintomi e farneticare sulle cause dei vari inconvenienti anatomici, i traumi che essi provocano, i loro possibili rimedi.

Ispirati dal Trattato di Leonardo, abbiamo approfondito tali studi, saccheggiando saperi e misteri di illustrissimi e mirabili Maestri, dalla Teoria Umorale di Ippocrate alla fisica quantistica di Michio Kaku, dalla Romanticismo mitologico all’Inauditesimo contemporaneo, unendo il ludico al dilettevole.

Smarrendoci in questi appassionanti studi, alla ricerca di teriache e panacee alle passioni che tormentano l’anima in questo incauto e insidioso mondo, abbiamo così riportato alla luce questo prodigioso “Trattato”, rinvenuto negli anfratti dell’anima del fantomatico scienziato Melanio Da Colìa, erudito di mali e terapie emozionali, redatto in epoche immaginifiche e celato fino ai nostri giorni dai dotti delle scienze razionali.
Tutto qui, una semplice “invenzione, ispirata dalla magia e dal sogno, scritto versando lacrime e risa, col giuoco della parola e l’arte del disegnar”.